La presenza dell’energia elettrica è data da tutti per scontata, dal momento che è alla base del funzionamento di tutti i dispositivi che utilizziamo, da quelli consumer a quelli professionali. Per questo motivo esistono i gruppi di continuità UPS, che servono appunto a evitare problemi su quelle tecnologie business-critical, che potrebbero comportare catastrofici ritardi e perdite economiche per le aziende colpite. E’ fondamentale dunque, che gli stessi gruppi di continuità funzionino a dovere, considerato poi che la sfida è recentemente salita di livello: nel mondo odierno basato sull’internet of things questi dispositivi devono essere in grado di supportare ambienti in loco e remoti che devono funzionare con lo stesso livello di disponibilità e sicurezza dei Data Center più grandi e mission critical. Proprio per rispondere a queste sfide Schneider Electric ha annunciato il nuovo Smart-UPS con APC SmartConnect, il primo e unico UPS abilitato al cloud per ambienti IT distribuiti. La soluzione è concepita per consentire alle aziende, in particolare alle piccole e medie imprese che dispongono di personale IT e risorse limitate, di gestire in modo proattivo ed efficace lo stato di salute dei propri sistemi UPS.

 

 

Per conoscere tutto sugli Smart UPS di Schneider Electric è possibile visitare questa pagina 

Disponibile come funzionalità standard in alcuni modelli all’interno del portafoglio di soluzioni Smart-UPS,  SmartConnect sfrutta l’architettura abilitata al cloud EcoStruxure IT di Schneider Electric per:

• raccogliere e inviare dati sullo stato di salute e lo stato generale dei dispositivi UPS di un cliente, inclusi sostituzione della batteria, rinnovo della garanzia e notifiche sulle prestazioni dell’UPS;
• fornire un portale web sicuro e basato su cloud, accessibile da qualsiasi dispositivo connesso a Internet, in cui i clienti possono visualizzare lo stato dei propri UPS;
• inviare notifiche automatiche personalizzabili, notifiche sugli aggiornamenti del firmware e supporto avanzato per la risoluzione dei problemi tramite un’interfaccia di monitoraggio da remoto semplice da utilizzare;
• semplificare l’installazione senza alcuna necessità di configurazione, rendendo l’installazione facile anche per gli utenti non tecnici.

Si tratta di una soluzione molto utile per gli MSP, che possono facilmente integrare SmartConnect con le principali soluzioni di monitoraggio e gestione remota (RMM), come ConnectWise Automate e Kaseya, o tramite un portale web mobile pronto all’uso, in modo da poter gestire i portafogli clienti da un’unica piattaforma. Non sono necessari codifica, trap SNMP (Simple Network Management Protocol) o agenti software, per cui gli MSP possono rapidamente implementare i loro servizi e iniziare a generare ricavi fin da subito.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here