Il caso Cambridge Analytica ha drammaticamente dimostrato quanto i nostri dati personali siano a rischio manipolazione, nonostante le nuove normative sulla privacy che sono state varate nel frattempo. L’aspetto più preoccupante dell’intera faccenda è che tutti quanti noi, giorno dopo giorno, continuiamo a cedere i nostri dati personali ad applicazioni e a una platea sempre più vasta dispositivi intelligenti. Rischiando, progressivamente, di perdere la nostra autonomia intellettuale in favore di scelte sempre più eterodirette. Il problema della privacy ha anche a che fare con il modo in cui questi dati vengono trattati: sostanzialmente le nostre informazioni, grazie alla pervasività ormai raggiunta dagli strumenti cloud, vengono archiviate e aggregate centralmente e, successivamente,  possono essere utilizzate dalle grandi multinazionali per comprendere e orientare le nostre preferenze d’acquisto (ma non solo).

Per saperne di più sulle soluzioni Edge IoT scarica il white paper gratuito sui benefici dell’Edge Computing

Esiste però una rivoluzione tecnologica che è in grado di porre un argine a questa tendenza e rafforzare la nostra privacy: stiamo parlando dell’edge computing. Come abbiamo raccontato in passato, dal momento che con l’edge computing le informazioni e i dati vengono elaborate a livello locale e in prossimità dell’utilizzatore, non è più necessario quel passaggio a livello centrale tipico del cloud computing. Quello che in definitiva permette ai grandi provider di raccogliere le informazioni e indirizzare successivamente le nostre scelte. L’edge computing, invece, rende possibile alle applicazioni e ai servizi di cui abbiamo realmente necessità di funzionare localmente e autonomamente, con chiari benefici dal punto di vista della privacy.

 

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here